Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Associazioni e Movimenti / Cori parrochiali

Cori parrochiali

IMG_7739
IMG_7743
IMG_7742
IMG_7747
IMG_0486

*

..::GRUPPO CORI PARROCCHIALI::..

Gruppo canto RnS “Voci d’Israele”

Questo è il nome del nostro “coretto” della domenica come noi amiamo dire.Persone semplici, non professionisti della musica e del canto, ma con una voglia grande di dare lode al Signore e dare testimonianza ai fratelli.

Circa 20 anni fa, il nostro parroco, l’allora sacerdote Don Gabriele Morlacchetti, ci ha chiesto oltre che animare le adorazioni, anche di animare la messa serale della domenica (allora eravamo il coro “Ancilla Domini” dal nome del nostro gruppo RnS).

Anche noi come Maria, abbiamo detto il nostro sì, e piano piano si sono aggiunte altre persone, di altre realtà, così che abbiamo cambiato nome.

Siamo arrivati fino a 30 voci, animavamo anche matrimoni e funerali a richiesta.Molti sono andati via perché sposati o trasferiti per motivi di studio e antri ancora si sono aggiunti. Ora siamo un piccolo coro con il desiderio grande id seguire Gesù e dare testimonianza ai fratelli.

Gesù è il Signore “Alleluja”.

Coro ragazzi

Da alcuni anni è attivo un piccolo coro che anima la prima Messa domenicale dei bambini.

In effetti,a parteciparvi sono ,in parte,alcune bambine della scuola primaria e,anzi, prevalentemente ragazze che frequentano la scuola secondaria di 1 e 2 grado. Quest’ultime testimoniano la fedeltà all’impegno dell’animazione liturgica settimanale perché presenti sin dagli inizi della sua attività, quando si riunivano all’asilo dove erano dirette dalle care suore del Sacro Cuore che hanno operato per molti anni con tanta dedizione a Guglionesi: suor Efrem e suor Clelia, tanto care al nostro cuore.

La finalità prioritaria del coro è quella di spronare gli altri ragazzi della Messa a prendervi parte, con l’unico scopo di lodare insieme Gesù nel canto semplice e umile. Tant’è che loro non occupano un posto di rilievo come normalmente accade per i cori, ma sono sedute ai primi banchi, in mezzo agli altri bambini che partecipano alla Messa: questo proprio con l’intento di diventare così ‘’sale della terra’’.

Qualche anno fa, in occasione del Santo Natale , il coro si è anche esibito in più concerti, arricchito del contributo di chitarra, pianoforte e fisarmonica suonati anch’essi da ragazzi di scuola media. Attualmente il coro si riunisce settimanalmente per le prove, il sabato alle ore 17:00 nell’aula dietro l’ufficio parrocchiale a Castellara.

Coro CL

Il coro polifonico “Dulcis Christe” di Comunione e Liberazione nasce a metà degli anni Ottanta, sotto la guida di Lino Fulvio, come espressione della coscienza dell’incontro con l’Avvenimento  cristiano.

Negli anni Novanta la direzione viene assunta da Osvaldo Caruso e successivamente da Adelaide Villa, maturando sempre più la coscienza che il canto è parte integrante delle vita e della preghiera della Chiesa e che quando è vissuto e partecipato con fede autentica esso è testimonianza per chi lo pratica e per chi lo ascolta  .

Sotto la direzione di Adelaide Villa il coro, avvalendosi della professionalità di strumentisti e cantanti diplomati al Conservatorio, cura anche l’organizzazione di recitals (Canto a Maria, con il soprano Maria Pia Ionata) e concerti (Misa Criolla e Missa Luba, con il tenore Giuseppe Di Benedetto) che si tengono sia a Guglionesi sia in diverse parrocchie del Molise e dell’Abruzzo per raccogliere fondi per le iniziative di solidarietà “Tende di Natale”

Nel repertorio del coro figurano i più grandi nomi della polifonia sacra del ‘500 e ‘600, come Palestrina, Da Victoria, Arcadelt, nonché canti Gregoriani, canti della tradizione popolare, laudi medievali, canti delle Trappiste di Vitorchiano, oltre e a repertori di musica popolare di diverse parti del mondo (Sudamerica, Africa, Russia…)

La vocazione del nostro coro è missionaria. Don Giussani infatti disse, rivolgendosi ai cori che stavano nascendo nel movimento: «Il canto è gratuito, il canto è carità. È carità pura, il canto. Se vi posso dare un consiglio: non siate troppo preoccupati di voi stessi, della vostra capacità di esprimervi. Il contenuto della preoccupazione non può essere l’espressione di sé, ma l’esprimere la coscienza di questo popolo. Per questo il coro, il canto, è il servizio più utile e gratuito per la comunità».

Negli ultimi anni è tornato alla direzione del coro Lino Fulvio.

Accompagnato fin dal suo inizio dall’organista Michele D’Ambra, il coro anima le solennità liturgiche e prova il venerdì alle 21 nella Chiesa dei Cappuccini a Castellara. 

Coro Madre Clelia Merloni

Il nome del coro è  “Madre Clelia Merloni” ricorda la fondatrice dell’ordine del “Sacro Cuore di Gesù”, congregazione religiosa alla quale appartenevano le religiose  che per quasi ottanta anni hanno operato a Guglionesi,  adoperandosi con generosità, altruismo, dedizione  e contribuendo alla crescita, intellettuale e spirituale di tanti guglionesani. 

Proprio una di loro, Suor Efrem, allo scopo di coinvolgere i genitori dei bambini che frequentavano l’asilo comunale ‘Mimì Del Torto’,  nel 1990, riuscì a riunire un cospicuo gruppo di uomini a cui propose di costituire un coro. 

Nacque così un nuovo gruppo di coristi, tra cui si ricordano, tra gli altri, Sorella Enrico, Pasquino Antonio, De Simone Franco, Casacanditella Armando, Vincenzo Sappracone, e tre cantori tuttora presenti nel coro come Antonio D’Auria, Luciano De Marinis e Rossi Giovanni. 

Questo gruppo maschile era sostituito solo in rare ricorrenze, come ad esempio alla festa del papà, da quello femminile che continuava, comunque, ad essere il ‘vero’ coro, nato nei tempi ‘giovani’ di Suor Ilaria e di cui facevano parte Filomena Annecchione, Santina Greco, Maria Teresa Aceto, Gilda Pizzi. Il coro femminile accompagnava, inoltre, le celebrazioni e le sante messe dei matrimoni e dei defunti.

A partire dal ‘95 vi fu un cambiamento radicale : con il costituirsi del Movimento di Comunione e Liberazione per il tramite di padre Enzo Ronzitti, molti giovani si staccarono dal gruppo canoro tradizionale andando a formare un gruppo a sé, il coro di CL; contemporaneamente molti uomini si allontanarono e i superstiti entrarono a far parte del coro femminile,  che nel frattempo si era ampliato nel numero con l’arrivo di giovani leve: Giuseppina Pellegrino, Silvana Fulvio, Pina e Lella Di Carlo, Carmela D’Aniello, Paola De Santis, etc. Qualche tempo dopo inoltre entrarono a farne parte anche Felice Mammarella, Mariarosa Pace, Vincenzo Tilli, Michelina.                                                  

Il coro assunse così la sua definitiva identità, prendendo ufficialmente il nome di ‘Madre Clelia Merloni’ per l’appunto,  con Suor Efrem come organista e Tonino D’Auria quale maestro.

Successivamente vide la luce un altro coro, quello del Rinnovamento nello Spirito,  che si affiancò al coro di CL e a quello sempre ufficiale e tradizionale, con le sue messe in latino e la partecipazione alle messe per gli sposi e i defunti, il ‘M. Clelia’.

Per diversi anni vi fu quindi la coesistenza di più cori.  

Suor Efrem intanto, per questioni legate all’avanzare degli anni, venne sostituita da suor Clelia che divenne l’organista ufficiale, Tonino D’Auria restava ancora il direttore.

Improvvisamente avvenne una rivoluzione …

Mentre le suore del Sacro Cuore lasciarono definitivamente Guglionesi poiché l’Ordine religioso non aveva la possibilità di operare un ‘ricambio generazionale’ a causa della scarsità delle vocazioni, giunse a Guglionesi,  ad affiancare il parroco Don Gianfranco, un giovane diacono ormai alle soglie del sacerdozio: Daniele.

Il nuovo arrivato, già studente del conservatorio prima di entrare in seminario, diventò maestro concertista del coro ‘Madre Clelia Merloni’, che nel giro di pochi mesi si trasformò radicalmente: non più canti eseguiti a stento a due voci, ma addirittura a quattro! E i coristi? Il giovane don, divenuto nel frattempo sacerdote, riuscì a trasformare tutti, anche i più restii,  infondendo entusiasmo, spirito critico, voglia di fare sempre più e meglio: ammoniti non si ribellano, sollecitati rispondono, chiedono finanche più ore da dedicare alle prove, sono disponibili, solerti, attenti, pronti.

Se solo ci fosse più tempo per svolgere le prove,  il coro ‘Madre Clelia Merloni’ potrebbe essere, ad oggi, veramente da concerto! E chi non ha tempo è proprio lui,  don Daniele.                                          

Nel frattempo a sostituire le  suore del “Sacro Cuore di Gesù” sono arrivate a Guglionesi le religiose della congregazione dell’“Adorazione del  SS. Sacramento”: suor Umbertina, suor Winnie e suor Imelda, chitarrista e organista. 

Confidiamo nel futuro.

 

 

..::POST PUBBLICATI.::..

A

Custom Gallery: images not found

A

A

..::CONTATTA I CORI PARROCCHIALI::..

Learn more

X