Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Vita Parrocchiale / Suore Ancelle Eucaristiche

Suore Ancelle Eucaristiche

IMG_7739
IMG_7743
IMG_7742
IMG_7747
IMG_0486

..::SUORE ANCELLE EUCARISTICHE::..

Parrocchia 09

 

CONGREGAZIONE DELLE ANCELLE EUCARISTICHE

 La Chiesa ha definito il nostro nome: siamo nate “Pia Società delle Vergini Eucaristiche” e la Chiesa ha meglio interpretato il Carisma fondazionale cambiando il nome in “Congregazione delle Ancelle Eucaristiche”.

Maria Grazia Cicala è nata a Melito di Napoli il 16 marzo 1894 e, come si usava allora, dopo 7 giorni è stata battezzata.

Crescendo in una famiglia profondamente religiosa, seguendo la mamma nelle opere di carità, il cuore di Maria Grazia  era terreno fertile per la nascita di una vocazione di consacrazione totale al servizio di Dio. Vicino a Melito sorge Casoria dove c’era un Istituto di Clausura: Le Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato, fondato da Madre Cristina Brando. La suore vivevano una vita santa che attirava vocazioni. Maria Grazia diventò Maria Eucaristica dell’Assunzione.

Poco tempo le fu concesso di vivere in clausura perché fu costretta a lasciare l’Istituto per motivi di salute.

Gesù Eucaristia aveva afferrato il cuore di suor M. Eucaristica che, pur vivendo nel mondo, non vi apparteneva, sognava e cercava di conservare la sua consacrazione: prima in famiglia, poi per 8 anni, presso Madre Maria Landi a Napoli in via Duomo.

La malattia, inspiegabile, la costrinse a lasciare anche Madre Landi chiamata dai napoletani, “la Monaca Santa”. Fu così che ritornò a Melito, ma per curare, spiritualmente, un gruppo di ragazze desiderose di vivere una vita spirituale più profonda. Poco dopo nacque la “Pia Società delle Vergini Eucaristiche” la Madre avrebbe preferito che le sorelle si chiamassero le “Minime dell’Eucaristia”.

Il Papà della Madre le donò una casa colonica con del terreno annesso, era la sua parte di eredità. Nacquero le opere: l’orfanotrofio, la scuola materna ed elementare, il laboratorio per le giovani melitesi, la schola cantorum, il boccone dei poveri, …

Prima Mons. Balsamo, poi Padre Anselmo Chiacchio ed infine Padre Giovanni Galasso furono vicini alla Madre per aiutarla a conoscere la Volontà di Dio. Anche suor Giuseppina dei Ponti Rossi contribuì a fare un saggio discernimento: le giovani volevano una Regola, un Abito, una vita comune: cioè essere una famiglia religiosa.

Molte furono le prove che la Madre dovette superare! Ma il Signore non le fece mancare mai il suo aiuto anche materiale.

Nel 1972 la Chiesa  diede il nuovo nome alla Comunità.

 

Il 28 dicembre 1974, durante gli esercizi spirituali, Gesù venne a prendere la sua sposa fedele, improvvisamente, fulmineamente, lasciando le sue figlie nel più grande stupore. Ed ora? Come faremo?

La Congregazione non aveva personalità giuridica, non poteva accettare il testamento della Madre che la nominava erede universale dei beni a lei intestati! C’era un anno di tempo, un anno per diventare ente con personalità giuridica e con un legale rappresentante!

Madre Eucaristica aveva chiesto molte volte a Gesù un segno della sua Volontà: “Se vuoi l’opera, devi farle avere il riconoscimento della Chiesa!” ma durante la sua vita … niente.

Le sorelle, con l’aiuto di Padre Galasso, inoltrarono la pratica a Roma presso la Sacra Congregazione dei Religiosi. Intanto si pregava e si sperava: la fede della Madre Fondatrice era grande e diventò grande anche quella delle sue figlie: un mese prima della scadenza dell’anno: alla Solennità di Cristo Re del 1975, venne il riconoscimento tanto atteso.

Subito dopo le sorelle dovettero rivedere le Costituzioni per aggiornarle e meglio definire il Carisma di cui la Madre parlava, ma non scriveva mai.

Il Carisma ha una duplice dimensione: contemplazione ed azione, preghiera e lavoro, amore e servizio. “Le radici nel cuore dell’Eucaristia, le ramificazioni nelle opere di apostolato”. Adorazione Eucaristica, Santa Messa, vita Sacramentale, culto Mariano; vita comune, formazione permanente, studio della S. Scrittura, dei Documenti del Magistero, aggiornamento, partecipazione alla pastorale d’insieme delle Parrocchie in cui la comunità si trova, attenzione ai piccoli, alle famiglie, agli ultimi, …

Le Costituzioni furono approvate il 29 giugno 1990 con un Decreto che riconosceva il dono di un Carisma ricevuto per la docilità della Fondatrice allo Spirito Santo e che chiedeva alle suore, fedeli al carisma e seguendo l’insegnamento e gli esempi della Fondatrice, di: “esprimere l’intima armonia tra contemplazione e azione e vivere la gratuità del dono e la propria vocazione di ancelle, per meglio cooperare all’espansione e dilatazione del Regno di Dio con il vigore e l’efficacia della Santissima Eucaristia”

Dopo tanti anni, ci siamo rese conto di quanto siamo piccole, limitate, imperfette, lontane dal vivere veramente il nostro carisma: l’amore ed il servizio (Giovanni 13), due semplici parole, ma … come Gesù vuole che viviamo veramente? Una lunghissima vita non sarà sufficiente per capire tutta la grandezza, la profondità, l’altezza e la larghezza dell’amore ed il vero spirito per un servizio secondo il cuore di Dio! L’Amore Agape ed Eros, il servizio gratuito, i consigli evangelici vissuti secondo l’essenzialità, la precarietà, la gratuità: è tutto meraviglioso, tanto difficile, ma non impossibile perché Dio non chiede mai a nessuno qualcosa che non possa fare con il Suo aiuto e la propria collaborazione.

Il 5 gennaio 1996 la Congregazione, avendo riconosciuto che non poteva essere eucaristica senza essere aperte anche alla missione “ad gentes”, è partita per l’Africa, l’Uganda.

Nel 2007 la Congregazione ha raggiunto l’Indonesia.

Il 4 settembre 2013, dietro invito del Parroco don Gianfranco …………….. le Suore Ancelle Eucaristiche hanno iniziato il loro apostolato nella comunità parrocchiale di S. Maria Maggiore a Guglionesi, Diocesi di Termoli, provincia di Campobasso.

 

Rendiamo grazie a Dio che si è servito di povere ancelle per diffondere l’Amore per Suo Figlio, nascosto sotto le specie del Pane e del Vino!

Una preghiera da chi leggerà queste righe affinché nulla fermi lo zelo delle sorelle e le difficoltà servano da sprone a fare sempre meglio e sempre di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X